Consulta le classifiche calcio free

Home / News

Medicina e sport

Convegno a Cuneo

Un pubblico molto attento ha seguito le relazioni dei competenti ed illustri relatori

CUNEO – Il dottor Carlo Villosio, presidente dell’Associazione medici sportivi della Granda, nonché direttore del Centro provinciale di Medicina dello Sport Città di Cuneo e responsabile sanitario del Cuneo Calcio 1905 (squadra che nel corso dell’ultimo biennio ha ottenuto due promozioni consecutive passando dalla serie D alla serie C1, ndr), può ritenersi soddisfatto del successo che si è riscontrato venerdì 7 dicembre presso il Centro Incontri della Provincia di Cuneo con un pubblico molto attento sugli argomenti trattati dai competenti ed illustri relatori.

Dopo una breve introduzione di Carlo Villosio nelle vesti di padrone di casa e di organizzatore del convegno, si sono aperti i lavori con l’intervento del dottor Luca Gatteschi, medico della Nazionale Italiana. Si è parlato della tutela dell’atleta azzurro; fondamentale la collaborazione ed il contatto medico con i colleghi delle varie società calcistiche che forniscono i giocatori a disposizione dello staff tecnico delle più svariate Nazionali.

A seguire, è salito sul palco Luca Stefanini, medico sociale della Juventus Fc, il quale ha illustrato con delle slide l’organizzazione Top Level del sodalizio bianconero. La società torinese ha investito parecchio capitale per tutelare e salvaguardare l’integrità dei calciatori. Il nutrizionista, il chiropratico, il podologo sono solo alcuni specialisti dell’equipe sanitaria composta da una trentina di persone che sono sempre a disposizione della prima squadra e del fiorente settore giovanile.

Terzo relatore a salire sul palcoscenico è stato il dottor Renato Misischi, responsabile sanitario del Torino Fc che si è addentrato, insieme al collega Dario Cencio, sulla gestione delle emergenze e delle urgenze svolte dalla Croce Rossa Italiana sia allo “Juventus Stadium” che allo stadio “Olimpico”.

Nella seconda sessione si è parlato dei fattori di crescita con il prof. Piero Volpi, della Sla con la dottoressa Stefania Guareschi e della morte improvvisa con il prof. Paolo Zeppilli, responsabile della sezione medica della Figc di Roma. Ovviamente si è parlato e discusso molto sui casi di Bovolenta e Morosini, deceduti durante una partita di calcio.

Nella terza ed ultima sessione si è instaurata una tavola rotonda sullo staff sanitario del Cuneo Calcio 1905 con i giocatori Nicolò Donida, Enrico Fantini e Matteo Longhi ed il mister Ezio Rossi.

Enrico Fantini, classe 1976, con alle spalle una carriera ventennale da professionista, ha raccontato di aver avuto nella passata stagione un problema di pubalgia e grazie all’abilità dei sanitari e massaggiatori della società biancorossa è potuto rientrare in campo dopo circa tre mesi.

Il dottor Damiano Follesa, ispettore antidoping della Fmsi, ha illustrato brevemente come avvengono i controlli antidoping nel calcio professionistico.

L’intensa giornata lavorativa si è conclusa con una tavola rotonda sul calcio femminile che a Cuneo coinvolge una sessantina di ragazze. La prima squadra partecipa al campionato nazionale di serie A2 ed ha in Eva Callipo e nel dottor Carlo Ripa due colonne fondamentali della società, rispettivamete con gli incarichi di presidente e medico sociale del team biancorosso.

  franco bonis

© Copyright 2016 SOCIETA' EDITRICE SALE E LUCE - SOCIETA' COOPERATIVA - Via Parrà, 9 - Saluzzo - P.Iva/Cf. 01893690048 - Registro Imprese di CN n. 01893690048 - Rea n.CN-142932